tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 20]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Battiti, il respiro del Vesuvio

Maria Totaro

Italia , 2005 - 52'

 TRAMA
Maria torna a Napoli dopo 15 anni vissuti in Haiti. Il tempo passato in questo paese animista le fa vedere, dalle terrazze napoletane, un Vesuvio diverso. Spinta dalla curiosità, avvicina la gente che in modi differenti vive in simbiosi col vulcano: Ciccio attraverso la terra e la tradizione, Francesca attraverso la scienza, Lucio attraverso l'arte. Ma una cosa li unisce: il desiderio piè o meno espresso di vedere il Vesuvio in attività. Più che intimorire, la "montagna" incanta le migliaia di persone che vivono sulle sue falde esorcizzando con vari espedienti il rischio di un'esplosione catastrofica, comunque presente nell'inconscio di ognuno. Battiti propone allo spettatore una sorta di viaggio iniziatico che si apre e si chiude in compagnia di una guida misteriosa: Carlo, il guardiano della grotta della Sibilla al lago d'Averno, che un tempo si diceva comunicasse, attraverso passaggi sotterranei, con il Vesuvio.

 REGISTA

Biografia

Maria Totaro (Napoli 1960) nel 1985 parte per Haiti dove, dopo la laurea a Napoli, per 15 anni si dedica all’attività di architetto. Nel 1994 comincia a occuparsi di fotografia per poi lavorare nel mondo del documentario. Insieme a David Belle, regista di New York, mette su una casa di produzione, la Haytian Eksperians, realizzando tra gli altri: Parcour d’une Fondation, L’oeuvre de Jean Claude Legagneur, Haitian Eksperyans. Nel frattempo collabora con altri registi alla realizzazione di documen- tari e film di fiction. Ritornata in Italia, ha prodotto e realizzato Battiti, il respiro del Vesuvio.

Dichiarazione

“Il film culmina in un’eruzione ricostruita integrando simulazioni informatiche a immagini di eruzioni reali, a scene di panico (eruzione del ’44). L’idea non è solamente formale. L’esplosione di un vulcano non libera solo lava e lapilli, essa libera l’immaginario. E’ il momento in cui la precarietà della condizione umana appare nel modo più evidente, quello in cui la vita e la morte smettono di essere percepite in contraddizione e sono integrate in un ciclo: la lava che ricopre tutto sarà il limo futuro”.

 Stampa Scheda