tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 7]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Eco-balle

Maurizio Di Loreti, Osama Abouelkhair

Italia , 2004 - 13'

 TRAMA

Provincia di Napoli e Caserta, tra agosto e novembre 2004. Nella città sommersa dall'immondizia il cassonetto non ha più uno scopo: lavoratori con la mascherina raccolgono la spazzatura che poi verrà  sommariamente separata e compattata in balle in una struttura industriale. Acerra è minacciata dalla costruzione di un termovalorizzatore che dovrebbe smaltire i rifiuti della Campania, disseminata di discariche spesso riempite di materiali tossici, così gli agricoltori non vendono più i loro prodotti. Allora la popolazione si mobilita. Sfilano in città e nelle campagne uomini, donne, bambini, vecchi e giovani. I coltivatori reclamano il diritto alla salute, al lavoro, invocano lo Stato, imprecano contro i rappresentanti del popolo che hanno dimenticato Acerra, la Campania. E lo Stato c'è, ha indossato il casco, si è armato di manganello e ora difende la terra malata dall'attacco del popolo sovrano.


 REGISTA

Biografia

Maurizio Di Loreti (Roma 1954), laureato in sociologia, dopo aver rea- lizzato reportage e mostre fotografiche, si cimenta nella realizzazione di documentari e cortometraggi per emittenti televisive nazionali.

Osama Abouelkhair (Roma 1978), dopo una collaborazione fotogiornalistica con i principali giornali nazionali, realizza servizi per i TG in Europa, Turchia, Russia, Egitto, Palestina e Iraq. Alla ricerca di verità trascurate, con l’opera prima Eco-balle, inaugura l’auto-produzione, attraverso la costituzione della società “La Loupe”.

Dichiarazione

“Una surreale guerriglia in piena campagna ricorda agli osservatori sensibili della realtà quanto la storia attuale sia ricca di spunti narrativi per momenti di “nuovo neo-realismo”. Essere trasparenti e lasciar trasparire, questo il duplice aspetto della nostra ricerca. Diventare invisibili allo spettatore e sfuggire alla percezione degli astanti nonostante la macchina da presa. Operazione complessa in tempi in cui la diffusa consapevolezza dell’occhio meccanico induce comportamenti codificati e restituisce realtà viziate. Di qui la scelta stilistica del racconto: montare le voci raccolte dalla strada, senza interviste tradizionali, senza la barriera del microfono inquisitore”.

 Maurizio Di Loreti, Osama Abouelkhair


 Stampa Scheda