tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 15]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Firenze: dall'immobilismo all'immobiliarismo

Francesco Azzini

Italia , 2005 - 17'

 TRAMA

Il professor Adriano Cemento, docente di Tecniche della cementificazione di massa presso la facoltà di architettura di Agrigento, accompagnato da un autista fiorentino, fa un tour della nuova progettualità urbanistica tra Firenze e le sue immediate periferie: ci sono il Brindellone, uno dei primi esempi di grattacielo fiorentino che impedisce la visuale del Duomo all'orizzonte; giardinetti e rotonde di solo cemento; il cantiere per la costruzione di un parcheggio privato e di un centro commerciale proprio sotto la maestosa Fortezza da Basso; il nuovo grattacielo che sarà palazzo di giustizia; l'orribile centro commerciale Coop Gavinana; l'immensa e prossima colata di un milione e mezzo di metri cubi di cemento nella Piana di Castello. "Ci sarà un grandissimo futuro qui, perchè dove c'è cemento c'è speranza" dice il professore agrigentino alla fine della sua ricognizione in terra fiorentina.


 REGISTA

Biografia

Francesco Hazzini, che all’anagrafe va scritto senz’acca, (Firenze 1974), diplomato al liceo artistico, ha frequentato la facoltà di architettura. Impegnato a tutto campo nel cinema, ha diretto Scavenge 2010, Bellinquadro, Immobilmente, Noi piccoli uccelli, Signore e signori, questi ultimi due facenti parte di una trilogia incompiuta, lavori per i quali ha rice- vuto riconoscimenti.

Dichiarazione

«L’immobilismo a Firenze è politico oltre che culturale. Negli ultimi tre anni, l’unica risposta dell’amministrazione comunale è stata costruire di tutto, in totale disaccordo con i 47 comitati cittadini sorti per opporsi a questi scempi. L’esempio più eclatante sono il parcheggio e il centro commerciale davanti alla Fortezza da Basso, un cantiere nato senza rispettare le leggi che indicavano una distanza minima di 150 metri.»

Francesco Hazzini


 Stampa Scheda