tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 12]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Mitumba The Second - Hand Road

Raffaele Brunetti

Italia , 2005 - 53'

 TRAMA

La maglietta di Felix, un bambino tedesco di 10 anni, finisce nel cassonetto per la raccolta di abiti usati, da qui parte per un cammino che la condurrà attraverso due continenti: donata, poi raccolta, poi venduta e comprata più volte, arriverà al termine del suo viaggio a essere indossata dal suo nuovo e ultimo proprietario, Lucky, un bambino di 9 anni in uno sperduto villaggio della Tanzania. In alcuni paesi Africani i vestiti usati costituiscono la prima voce di importazione, infatti il 90% della popolazione si veste di seconda mano. Li chiamano "I vestiti dei bianchi morti" perchè in Africa è inconcepibile pensare di disfarsi di cose ancora utilizzabili a meno che non appartengano a un morto. Vicende, luoghi e personaggi creano un mosaico che compone la via del commercio degli abiti usati, una via tortuosa e ancora sconosciuta che rivela una realtè sorprendente.


 REGISTA

Biografia

Raffaele Brunetti è produttore e regista di documentari. Dal 1987 lavora alla realizzazione di documentari e reportage in Italia, in Medio Oriente e nel bacino del Mediterraneo. Nei primi anni della sua attività ha lavorato con i network giapponesi NHK, TBS, NTV, FUJI TV. Ha    41 collaborato in seguito con National Geographic, BBC, Arté, Yle, History Channel, contribuendo alla realizzazione di oltre 100 documentari per
i quali ha ricevuto premi e riconoscimenti. Negli ultimi anni ha firmato la regia di documentari storici e di creazione.

Dichiarazione

“In Africa ho visto i ricchi di Dar es Salaam preferire i vestiti usati perché quelli nuovi sono scadenti. Ho imparato che lì tutti credono che noi Europei ci liberiamo dei nostri indumenti vecchi vendendoli e non donandoli. Al contrario gli Europei sono convinti che i vestiti usati vengano regalati a poveri e bisognosi. Ho visto l’Africa che sta cambiando velocemente e ho visto che i produttori cinesi tentano di penetrare in maniera capillare il mercato con vestiti nuovi a prezzi stracciati, facendo concorrenza anche all’usato. Se questo un giorno avverrà, i bianchi vivi dovranno provvedere da soli a smaltire i vestiti dei bianchi morti”.

 Raffaele Brunetti


 Stampa Scheda