tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 30]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Oma e chimica

Luca Pastore

Italia , 2007 - 65'

 TRAMA
Rivalta di Torino è un paese di ventimila abitanti come tanti altri, ma dagli anni '60 sul suo territorio si combatte una lotta contro l'inquinamento olfattivo. La presenza di due fabbriche, la Oma e la Chimica, che si occupavano di smaltimento di oli e solventi, avvenuto senza adeguati controlli e senza alcuna sensibilità ambientale, ha provocato negli anni fastidi e proteste. Le battaglie, comunque, non sono state sufficienti, perchè a chiudere le fabbriche nel 2000 è stato il fisco, per pagamenti insoluti di ICI al Comune. L'attore Beppe Rosso, attingendo ai grandi classici della letteratura (Il profumo di Suskind e Le città invisibili di Calvino), costruisce un percorso di suggestioni olfattive che arricchiscono l'efficace ricerca cinematografica di Pastore.

 REGISTA

Biografia

 Luca Pastore (Torino 1961) nell'83 ha fondato la casa di produzione Legovideo. Con il suo socio Alessandro Cocito (Cocito&Pastore) ha realizzato numerosi contributi di ambito videoartistico per la televisione, soprattutto per RAI Tre (Intervalli Italiani ed Europei). Ha curato la regia di numerosi documentari e contributi televisivi (per RAI Uno, Due e Tre, Telepiù, Arte-ZDF, Planet, RaiSat, Televisione Svizzera, La7, MTV, Allmusic, Sky, MaoriTV Nuova Zelanda), partecipando ai maggiori festival del documentario; ha realizzato filmati pubblicitari, videomagazine, clip musicali, visuals per concerti, sigle tv e installazioni videoartistiche per enti museali. E' stato collaboratore musicale per il giornale 'il manifesto' dal '94 al '97. Tra i suoi lavori segnaliamo Intervalli Italiani ed Europei (1989, 1992), Come fossili cristallizzati nel tempo (2002), Io arrivo da Giove (2001), I dischi del sole (2004).

Dichiarazione

“La ‘piccola’ ma emblematica storia di due aziende chimiche gemelle, nate quando la coscienza ecologica e le regole sull’impatto ambientale erano ancora poco più di un sogno e (quasi) tutto era possibile, in termini di inquinamento selvaggio finalizzato allo ‘sviluppo’ produttivo. Oggi, dopo anni di battaglie ecologiste, è finalmente arrivata la dismissione delle attività inquinanti e si fanno i conti dei costi (a carico della collettività) e dei profitti (a favore di coloro che hanno sfruttato la deregulation), con le consuete difficoltà nel far quadrare il cerchio, fra difesa del territorio e della salute, tra rispetto delle regole e difesa dell’occupazione, contando i costi industriali dello smaltimento (necessario) dei rifiuti pericolosi.”

Luca Pastore


 Stampa Scheda