tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 38]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Pancevo Mrvta Grad

Antonio Martino

Italia , 2007 - 30'

 TRAMA
Pancevo, una cittadina a 15 chilometri da Belgrado, in Serbia, è sede di uno dei più grandi complessi industriali della Ex-Yugoslavia. Durante la guerra dei Balcani la Nato ha bombardato in modo pesante questo complesso industriale causando una catastrofe ambientale e distruggendo quasi completamente le già mal funzionanti industrie yugoslave. Enormi quantità di sostanze tossiche come l'ammoniaca, il cloruro monomero, il mercurio si sono riversate nell'ambiente. Come se non bastasse, la Nato non ha mai risarcito i danni, riparati dagli operai stessi senza alcun tipo di controllo, per cui si verificano sistematicamente fughe di benzene e di altre sostanze tossiche. A distanza di nove anni dalla guerra dei Balcani, oggi a Pancevo, la città più inquinata d'Europa, muore in media un uomo al giorno. Il regista intervista e segue da vicino gli abitanti, soprattutto i più giovani, pieni di rabbia e indignazione.

 REGISTA

Biografia

Antonio Martino, giovane regista calabrese, oggi vive e lavora a Bologna. Dopo la laurea al Dams nel 2004, gira Fatma Aba-ad. Come ho imparato ad amare i Saharawi. Con un gruppo di filmmakers indipendenti realizza nel 2003 il documentario Siamo fatti così, che vede come attore principale Freak Antoni, cantante degli Skiantos. Nel 2005 senza nessun supporto di protezione o accompagnamento arriva fin sotto il reattore nucleare di Cernobyl e gira Noi siamo l'aria, non la terra, selezionato da diversi festival nazionali e internazionali. In Romania realizza Gara de Nord-copii pe strada con il solo apporto di una piccola telecamera palmare. Il film vince nel 2006 importanti premi al Visioni Italiane Film Festival, al Corto Imola Filmfestival, al premio Ilaria Alpi 2007. Con Pancevo- la città morta chiude la "trilogia dell'Est", girata in tre paesi dell'Europa per indagare il rapporto uomo/ambiente.

Dichiarazione

“Vaste zone di Bosnia, Croazia, Kosovo sono oggi ancora avvelenate da sostanze tossiche rilasciate durante il conflitto. A Pancevo i missili radio comandati Nato hanno praticamente colpito una per una tutte le cisterne delle sostanze più pericolose e tossiche di un complesso industriale enorme, composto da un petrolchimico, una raffineria e una fabbrica di prodotti chimici, provocando una nube altamente tossica lunga cento chilometri e intossicando migliaia di civili.  La Nato, durante la guerra dei Balcani ha violato sotto gli occhi di tutto il mondo le norme internazionali sulla guerra. Il mondo intero è stato a guardare.”

Antonio Martino


 Stampa Scheda