tag cloud
    [voti: 2 / visualizzazioni: 50]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Vita da Ines

Giulio De Leo, Sandro Carnino

Italia , 2007 - 50'

 TRAMA
Vecchie macchine agricole introducono lo spettatore in un mondo fatto di lavoro e silenzio, dove la fatica quotidiana dell'esistenza è concreta: il mondo di Ines. Ines Vignudelli è una contadina di ottantadue anni che in solitudine ostinata vive a "La Lastra", il podere dell'Appennino bolognese dove è nata e cresciuta. Ha due vacche, una vitella, un cane, un gatto, 15 conigli, 8 galline, 7 pulcini e una vita. Da Ines.

 REGISTA

Biografia

Giulio De Leo (Ruvo di Puglia, Bari, 1973) attore, danzatore, regista collabora con numerosi artisti, compagnie e teatri in Italia e all'estero. Nel 1999 fonda il collettivo KalòKalò. Unisce l'interesse per il teatro a quello per l'audiovisivo realizzando dal 2000 diversi video istituzionali e di documentazione tra cui Geografie di Maggio, Due Passi sulla neve. Sandro Carnino (Torino, 1964) fotografo e videomaker, collabora come tecnico luci e fotografo di scena con diverse compagnie di teatro e danza. Realizza documentazione video di spettacoli, festival, seminari e collaborazioni con video-artisti. Ha realizzato Giacomo Eroe Quotidiano, Fiumana, Una vita, Classico, Interno sera, Cernobyl 20 anni dopo.

Dichiarazione

“Vita da Ines non è un’opera celebrativa della civiltà contadina, ma il racconto poetico di un’esistenza scolpita nel tempo silenzioso e largo che gli è proprio. Per cogliere l’imprevedibilità del presente nel rinnovarsi dei cicli naturali è stato necessario che l’occhio si posasse sui suoi gesti senza fretta e che la nostra troupe convivesse con Ines per un mese. La sintesi è nata dall’osservazione e dalla compenetrazione dei ritmi e degli spazi vitali. Ogni luogo primario di sosta o di passaggio è diventato un set a cui tornare più volte e con diversi punti di presa. Nel montaggio abbiamo cercato di rispettare il tempo naturale delle azioni e di restituire la straordinaria umanità di Ines.”

Giulio De Leo, Sandro Carnino


 Stampa Scheda