tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 90]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

French fries to go

Howard Donner

USA , 2002 - 13'

 TRAMA
Siete pronti a seguire le gesta di Charris Ford, rapper ecologista sui generis, meglio noto come The Granola Ayatollah of Canola, e indomito paladino del Biodiesel? Alla guida del suo furgone, alimentato con oli vegetali esausti e aiutato da un'amica speciale come Daryl Hannah, guest star d'eccezione, da anni impegnata nelle più svariate battaglie ambientaliste, l'inventore dell'Eco-Rap ci mostrerà le potenzialità di una fonte energetica decisamente innovativa, in grado di sostituire al meglio i tradizionali carburanti. A fare da contorno a questa divertentissima storia, ambientata a Telluride, Colorado, prima città negli Stati Uniti a usufruire di un mezzo pubblico alimentato interamente a Biodiesel, un cast di personaggi colorati e incredibili, con una colonna sonora piè che mai "originale", in cui Charris Ford fonde l'hip hop con il bluegrass e le sonoritè indiane.

 REGISTA

Biografia

Howard Donner è specializzato in medicina d'emergenza, esperto in Medicina Wilderness (medicina degli ambienti selvatici). Ha lavorato come medico in varie spedizioni e come ufficiale sanitario. Co-autore del libro 'Field Guide to Wilderness Medicine', insegna e collabora come medico volontario. E' anche pilota e cineasta indipendente.

Dichiarazione

“Quando mi hanno invitato a partecipare a French Fries to Go, pensavo che questo documentario avrebbe parlato degli aspetti tecnici del Bio-Diesel. In realtà il film piace a tante persone per il modo divertente con cui riesce a far capire che ci si può impegnare per l’ambiente che abbiamo vicino. Sembra che tocchi chiunque lo veda, infatti è un caso piuttosto raro: un film ambientale veramente spassoso”.

Charris Ford


 Stampa Scheda