tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 25]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Taking Root: the Vision of Wangari Maathai

Lisa Merton, Alan Dater

USA , 2008 - 80'

 TRAMA

Al centro del documentario la figura di Wangari Mathaai, la prima africana a ottenere il Premio Nobel per la pace per le lotte del Green Belt Movement. Dopo gli studi accademici, il riavvicinamento con le contadine tra cui era cresciuta, le ha fatto aprire gli occhi sui problemi del Kenya: impoverimento del suolo, scarsità di acqua potabile, malnutrizione infantile, problemi legati ad altre emergenze: la deforestazione o l’analfabetismo, su cui incombeva l’ombra di interessi economici inattaccabili, tenuti nascosti dal regime di Daniel Arap Moi. Il documentario mostra, con rari materiali d’archivio e interviste, la lotta di Wangari Mathaai per la sensibilizzazione e l’informazione nel proprio paese.


 REGISTA

Biografia

Dagli anni '60, regista, cameraman e tecnico del suono per le emittenti NBC, CBS e per National Geographic, oltre che per registi quali Brian De Palma e Robert Elfstrom, Alan Dater inizia a collaborare dal 1989 con Lisa Merton. Insieme dirigeranno e produrranno i documentari Wolf Kahn: Landscape Painter (1989), Bridge of Fire (1991), Home to Tibet (1996) e The World in Claire's Classroom (2000), vincitori di numerosi riconoscimenti internazionali.

Dichiarazione

“Quella di Wangari è una vita esemplare che il mondo doveva conoscere. Nessuna storia ci ha colpito, commosso e ispirato come la sua. Non solo per quello che ha realizzato, ma anche per il modo di fare, la presenza, la capacità di raccontare. Lei era dentro alla storia che raccontava il sogno di ogni regista! Era incantevole, divertente, simpatica, espressiva e piena di vitalità. Mai prima abbiamo incontrato una persona di tale coraggio, disposta a morire per la verità.”

Alan Dater, Lisa Merton


 Stampa Scheda