tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 12]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Il cartun d'le ribelliun

Adonella Marena

Italia , 2008 - 85'

 TRAMA

Nell’estate 2006 da Venaus in Val di Susa parte una marcia, che percorrendo in quindici giorni ottocento chilometri, arriva a Roma. La marcia a bassa velocità del movimento NOTAV esce dalla valle per far conoscere le ragioni della sua opposizione all’Alta Velocità. Per strada questa allegra e determinata armata Brancaleone incontra persone, luoghi, bande musicali e altre carovane. Ecco quindi che il movimento NOTAV si confronta con il movimento NOPONTE e NOMOSE. Alla fine il cartun d’le ribelliun, un carro-risciò carico di appelli, arriva a Roma per consegnare tutto al parlamento. Questa è la storia di un’utopia contagiosa, che da un paese tra le montagne si diffonde in mille volti e mille voci, quelli di un’Italia desiderosa di ritrovare il senso di comunità e la partecipazione.


 REGISTA

Biografia

Adonella Marena si occupa negli anni '80 della diffusione del cinema delle donne nel Gruppo Comunicazione Visiva, poi dall'89 è autrice di corti e documentari. Ha collaborato con Rai3, ZDF Arte, La7, Planete, Videogruppo, Documé. Tra i suoi film: Il megalite (I989); Okoi e semi di zucca (1994); Facevo le nugatine (1996); Tute Bianche, un esercito di sognatori (2002); Mi piaceva vivere lassù (2003); NO TAV, gli indiani di valle (2005); Non mi arrendo, non mi arrendo! (2006).

Dichiarazione

“Con il film precedente Indiani di valle ho avuto modo di seguire e di conoscere da vicino le vicende della Val di Susa. In questo, seguendo le avventure dei marciatori valsusini, ho voluto raccontare la forza aggregativa che spinge persone diverse per età, temperamento, formazione culturale e politica a intraprendere insieme un viaggio per comunicare la propria esperienza; per dare voce, attraverso un metodo politico originale, a quesiti controversi, come la difesa del territorio, il rispetto dei beni comuni, la democrazia partecipata.”

Adonella Marena

 Stampa Scheda