tag cloud
    [voti: 13 / visualizzazioni: 589]
recensioni

Aggiunta il 02 December 2013 alle 16:17
Uno spaccato intenso di una realtà poco conosciuta...anche se più vicina di quanto pensiamo!

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Cry Sea

Cafi Mohamud, Luca Cusani

Italia , 2007 - 55'

 TRAMA

Lo scontro tra due civiltà, tra modi diversi di vivere il mare: ogni anno una flotta di 500 navi europee da pesca ultra-tecnologiche, dotate di sistemi all’avanguardia, solca le acque del Senegal, forte di un accordo da decine di milioni di euro stipulato con il paese africano. Parallelamente, ogni giorno, i pescatori senegalesi, al timone di 15000 piroghe, cercano di portare a casa ciò che la concorrenza sleale degli europei può aver lasciato, affidandosi a sistemi quali lo studio delle correnti o la divinazione con amuleti. Ma la tragedia sempre più vicina: secondo gli esperti tra dieci anni non ci saranno più pesci…



 REGISTA

Biografia

Cafi Mohamud, laureato presso la Scuola di Cinema di Milano, ha lavorato come assistente alla regia in numerosi film, dirigendo anche videoclip musicali. Dal 2001 è regista per diverse NGO in paesi quali Cuba, Bosnia, Brasile, Senegal e Cina. Luca Cusani ha realizzato per la televisione documentari a carattere sociale su temi come la vita in carcere o i legami tra sport e politica. Attualmente lavora a video educativi per varie NGO su le migrazioni e i problemi medici nelle aree di guerra.

Dichiarazione

«A Bergamo un ex pescatore si appresta a fare il suo turno in acciaieria, in Islanda un’ecosonda scandaglia il mare, in Senegal uno stregone prepara gli amuleti per la pesca notturna. Nel mondo globalizzato la pesca oceanica è lo specchio della crisi ambientale e sociale dei nostri giorni».

Luca Cusani


 Stampa Scheda