tag cloud
    [voti: 2 / visualizzazioni: 52]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

49 Words for Snow

Yorgos Avgeropoulos

Grecia , 2007 - 64'

 TRAMA

Una catastrofe si sta svolgendo in Groenlandia, avvolta dal silenzio dei ghiacci che la ricoprono e dal disinteresse dei media: uno degli ecosistemi più delicati e affascinanti del pianeta subisce le conseguenze dell’innalzamento globale delle temperature, capace di portare allo scioglimento di 248 km3 di neve all’anno. A farne le spese in prima persona sono gli Inuit, popolo di pescatori e cacciatori, che da secoli abitano questa terra inospitale. Sullo sfondo, gli interessi delle grandi aziende petrolifere, per le quali il Polo Nord rappresenta un nuovo El Dorado. Interessante e coinvolgente documentario, ricco di immagini suggestive e di interventi autorevoli.



 REGISTA

Biografia

Yorgos Avgeropoulos (Atene, 1971) lavora come giornalista per i più importanti canali televisivi greci. A partire dal 2000 ha collaborato alla realizzazione, per l'emittente NET, della serie di reportages Exandas (di cui Delta-Oilès Dirty Business fa parte), girati in tutto il mondo su argomenti di grande interesse e strettissima attualità , tanto da essere oggetto di una retrospettiva al Thessaloniki Documentary Festival del 2006. Ha partecipato all'edizione 2007 di CinamAmbiente con il documentario Delta-Oilès Dirty Business (2006), per cui ha ottenuto la Menzione Speciale nel Concorso Internazionale Documentari.

Dichiarazione

«Prima sono spuntati i laghi. Grossi buchi, belli e di color azzurro, sul ghiaccio. (…) Si sono sviluppati a causa del riscaldamento globale. (…) Se il riscaldamento continuerà, tutti gli iceberg e lo strato di ghiaccio sul mare scompariranno entro il 2080. Ma per ora, quello che si ha davanti è un paesaggio bello e tranquillo. È impressionante come la natura riveli in tutta serenità i cambiamenti più violenti».

Yorgos Avgeropoulos


 Stampa Scheda