tag cloud
    [voti: 2 / visualizzazioni: 113]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

La terra degli Inuit si sta sciogliendo

Greg Hemmings

Italia , 2008 - 52'

 TRAMA

La vita tra le nevi della regione Nunavik, nell’Artico Canadese, vista attraverso gli occhi e le parole degli Inuit, la popolazione che da secoli abita queste terre inospitali eppure affascinanti, con un’attenzione particolare alle loro emergenze quotidiane: le difficoltà nella caccia e nelle altre attività tradizionali, la progressiva dipendenza economica dal potere politico centrale, la crisi di identità culturale, ma, soprattutto, i profondi cambiamenti portati dall’innalzamento delle temperature (3-4 gradi negli ultimi 50 anni), dovuti al global warming, una minaccia mortale per gli Inuit, che nel corso dei secoli hanno sviluppato un rapporto totalmente simbiotico con l’ambiente che li circonda, e per tutto un ecosistema basato su fragili equilibri.


 REGISTA

Biografia

Nato in Canada, Greg Hemmings si è laureato in Film & Television Production. Dal 1996 ha lavorato come assistente operatore e montatore in ambito televisivo. Nel 2000 ha fondato la Hemmings House Pictures, la sua casa di produzione: l'ultimo lavoro, Grave Concern (2007), trasmesso dal canale CBC, ha ottenuto un'ottima accoglienza di pubblico e di critica in patria.

Dichiarazione

«Nove differenti istantanee dell’Artico sia in inverno che in estate. Abbiamo voluto, nella costruzione, farci suggestionare dal film di Altman America Oggi. Il taglio quindi non sarà da documentario ortodosso e la narrazione sarà quasi invisibile. Un bambino del posto [...] introduce i protagonisti. Noi li seguiamo nelle loro attività. [...] Lasciamo
esclusivamente la parola agli Inuit. La scelta non è ideologica, ma strategica, perchè le popolazioni artiche hanno un punto di osservazione privilegiato sui cambiamenti climatici visto che le loro attività sono intimamente connesse all’ambiente».

Greg Hemmings

 Stampa Scheda