tag cloud
    [voti: 2 / visualizzazioni: 93]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

Monnezza

Vincenzo Gioanola

Italia , 2008 - 1'

 TRAMA
Un girotondo di sacchi ricolmi di spazzatura intorno al mondo: nonostante le leggi che regolano lo stoccaggio e lo smaltimento dei rifiuti, nel nostro paese sono ancora troppe le zone d’ombra in una catena dove entrano in ballo interessi poco puliti, come dimostrano i fatti di cronaca in Campania. Svelto cortometraggio di animazione computerizzata (appena 1 minuto), di strettissima attualità.

 REGISTA

Biografia

Nato a Casale Monferrato, Vincenzo Gioanola si è laureato all'Accademia di Belle Arti a Torino nel 1979. Nel 1981 realizza Boogie, il suo primo film d'animazione, insegnando, tenendo corsi di aggiornamento per i docenti e workshop in tutta Italia, lavorando come illustratore e grafico. Successivamente dirige Garibaldi Blues (1982), Russian Roulette (1985), Nove secondi e mezzo (1987), Dobrodolska Hora (1989), Fight Da Faida (1993), che ottiene riconoscimenti internazionali. Socio fondatore della casa di produzione Lantern Magica, con cui collabora in veste di sceneggiatore, animatore, intercalatore e compositore delle colonne sonore, dal 2001 insegna presso la Scuola Nazionale di Cinema di Chieri.

Dichiarazione

“Da alcuni anni il laboratorio di Cinema del Primo Liceo Artistico ha individuato nel Cinema d’Animazione il mezzo espressivo più affine alla propria vocazione artistica. La produzione del laboratorio ha avuto un carattere prevalentemente sperimentale dove si sono alternate le tecniche classiche dei maestri dell’Animazione a lavori digitali realizzati con software di ultima generazione. In questo ultimo anno abbiamo sentito la necessità di misurarci non solo sulle difficoltà tecniche del mezzo, bensì sulla comunicazione di un concetto attraverso il racconto. Il tema ambientale ci è sembrato un ottimo spunto per la sua attualità e per come era sentito e vissuto dai giovani.”

Gian Carlo Povero

 Stampa Scheda