tag cloud
    [voti: 1 / visualizzazioni: 5]
recensioni

È possibile aggiungere questo film a una nuova playlist o a una di quelle che avete precedentemente creato.

Seleziona:
Crea Playlist:

È possibile inserire il film nella sua versione integrale, o eventualmente ricavarne una clip indicando il minutaggio di inizio e fine della porzione interessata (nel formato mm:ss).

Durata:
Integrale
Da: a:

info

La Pressa

Aessandro Pugno

Italia , 2011 - 30'

 TRAMA

La pressa

La sicurezza sul lavoro nell’epoca delle macchine

di Alessandro Pugno - Azienda Corcos Industriale

Il film traccia a grandi linee la storia del rapporto tra uomo, macchina e sicurezza sul lavoro dagli inizi del 900 ad oggi, scoprendo come la paura per le macchine si sia trasformata in una fiducia quasi incondizionata. Come mai s’è ribaltata questa prospettiva? L’uomo non deve più temere le macchine, ma solo i propri sbagli? Che sorprese riserva il futuro? Ma soprattutto: la cultura della sicurezza è una conquista da attribuire solo al progresso tecnologico? A queste domande rispondono i lavoratori di oggi, di ieri e di domani, attraverso immagini d’archivio e riprese effettuate in un’industria leader nell’automazione e tecnologizzazione degli spazi di lavoro.

PROGETTO

Per sconfiggere la piaga delle morti e degli incidenti sul lavoro il primo passo è quello di un cambiamento culturale finalizzato alla prevenzione del rischio. Partendo da questa convinzione INAIL Piemonte, Museo Nazionale del Cinema e Festival CinemAmbiente hanno prodotto cinque brevi documentari sulle buone pratiche di sicurezza sul lavoro.

I film, della durata di circa dieci minuti ciascuno, documentano la realtà di alcune aziende piemontesi, appartenenti a diversi settori produttivi, che si sono distinte per il loro impegno nel realizzare soluzioni avanzate per la prevenzione del rischio dei lavoratori e dell’ambiente. Obiettivo del progetto è portare a conoscenza esempi concreti su come si possono metter in pratica standard elevati di sicurezza sui luoghi di lavoro per stimolare un processo di emulazione: da qui il titolo ”Sicurezza si può”.

I lavori sono stati realizzati da cinque giovani promesse del cinema italiano (Paolo Ceretto, Alessandro Nucci, Margherita Pescetti, Alessandro Pugno e Francesco Uboldi ), vincitori di un concorso nazionale che ha visto la partecipazione di oltre cento candidati. Dopo un anno di ricerca, preparazione e realizzazione, i registi sono riusciti nella difficile impresa di documentare casi positivi di sicurezza sul lavoro.


 REGISTA

Biografia

Alessandro Pugno è nato a Casale Monferrato nel 1983 sulle colline piemontesi. Ha studiato filosofia a Bologna, dove ha mosso i primi passi nel mondo delle immagini come assistente fotografo per riviste di architettura. In seguito ha trascorso alcuni anni dedicandosi alla sua vera formazione: i viaggi in vespa, treno e nave tra Italia, Francia, Grecia, Spagna e Portogallo, alla scoperta di gente, luoghi ed ispirazioni. Le impressioni di quell’epoca di viaggi confluiranno in una mostra fotografica dal titolo “La giostra” tenutasi a Siviglia nel 2005 e nella raccolta di poesie “Fili d’oro tra le ortiche”, che riceve una menzione speciale nel prestigioso concorso “Premio Lorenzo Montano” del 2006.
Dopo un periodo trascorso in Spagna lavorando come montatore di documentari, nel 2008 torna in Italia per creare la Papavero Films, con cui gira il suo primo film come regista “La culla delle aquile”. Il film viene premiato e selezionato in vari festival in Italia e all’estero. Nel 2008 ha frequentato una masterclass di scrittura con Werner Herzog, uno dei più grandi registi viventi. Scrive per riviste sul web e blog, dedicandosi all'analisi del nostro tempo attraverso una ricerca filosofica di tipo visivo ed estetico che sta alla base anche della sua attività cinematografica: è possibile fare filosofia attraverso le immagini?

Dichiarazione


 Stampa Scheda